Caldo record? Gli scienziati: “E’ un’arma chimica”


L’innalzamento delle temperature è di origine artificiale. Secondo un gruppo di scienziati statunitensi è un’arma che mira ad indebolire l’intera popolazione mondiale…

caronte.110

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Mentre i geoingegneri manipolano il clima, i media di regime manipolano i dati sul meteo, ad esempio quelli sui valori di umidità relativa e pressione atmosferica: i vari organi ufficiali continuano a ripetere che l’attuale ondata di caldo, abbattutasi su gran parte dell’Europa, è dovuta all’anticiclone africano cui sarebbe connessa un’umidità molto elevata.

Non è vero: i valori igrometrici sono bassi in misura anomala anche nelle località di mare a tal punto che non si formano quasi mai delle nuvole; al massimo in un cielo grigio-violaceo al mattino aleggia qualche brandello di cumulo polveroso che è poi dissolto nell’arco delle ore successive. Se i parametri di umidità fossero alti, si dovrebbero generare i nembi e si dovrebbero scatenare i temporali di calore anche sulle città, fenomeni che sono oggi solo un pallido ricordo del passato.

In un firmamento così opaco non è agevole discernere gli aerei chimici (a bassa quota) con le loro scie persistenti ed effimere o assenti, ma le operazioni di avvelenamento globale continuano senza requie, notte e giorno, pure quando il cielo sembra “sereno”. Non solo: i riscaldatori ionosferici e probabilmente i satelliti in orbita geostazionaria seguitano ad irradiare campi elettromagnetici che aumentano le temperature in modo drastico e mirato.

La verità è che il pianeta, soprattutto l’emisfero settentrionale, è sempre più caldo, ma non a causa delle emissioni di biossido di carbonio né a seguito dell’attività solare: certe aree sono roventi a cagione delle attività chimico-elettromagnetiche che, tra le altre cose, depauperano l’atmosfera di ossigeno. L’umidità è decurtata o migra in aree circoscritte dove provoca disastrosi nubifragi. Le società private, che lucrano sull’acqua e sulla siccità, sono già sulla porta di casa, come petulanti piazzisti.

Le microonde sono una forma di radiazione non ionizzante che, producendo un violento attrito tra le molecole, genera calore. E’ quanto sta accadendo in questo periodo con i “caloriferi” al massimo: ne consegue un’afa spaventosa, secca ed innaturale. Gli esseri viventi ne risentono in modo preoccupante: gli alberi sono ustionati da raggi ultravioletti non filtrati dall’ozonosfera ridotta a colabrodo, animali e uomini accusano tutti i sintomi dovuti ad una calura infernale. Le “nuvole” zigrinate o simili a denti di pettine sono la grottesca conseguenza di pesanti azioni sul clima.

“Riscaldamento globale”, “cambiamenti climatici”, “febbre del pianeta” sono i mantra dei globalizzatori del clima, ma che cosa sta accadendo veramente?

In buona sostanza lo sconvolgimento degli equilibri è provocato dalla guerra climatica con un innalzamento occasionale ed estemporaneo delle temperature di origine artificiale, soprattutto nell’emisfero Nord (più trafficato da velivoli commerciali e con una maggiore presenza dei cosiddetti “riscaldatori ionosferici”). Questo spiega perché, in questo periodo, mentre il pack artico tende a ridursi, sebbene non in modo catastrofico, i ghiacci antartici si stanno espandendo. Lo spostamento indotto delle correnti a getto e le anomalie del Nino sono una delle cause principali della variazione dei flussi idrodinamici in quota.

Il resto è ottenuto con le microonde ed i metalli elettroconduttivi aviodispersi. E’ dunque evidente un balzo del tutto anomalo dei parametri termici, fenomeno commisurato all’intensità delle operazioni di geoingegneria clandestina. Infatti le misurazioni sin qui eseguite da oltre 100 anni non mostrano un aumento delle temperature medie sulla Terra, piuttosto una tendenza nella norma. La N.A.S.A. ed altri enti sono stati spesso colti in flagrante a falsificare i dati, pur di avvalorare la tesi del global warming.

Dispiace, però, che al negazionismo classico si aggiunga la disinformazione di siti pseudo-indipendenti che se, correttamente, smentiscono l’equazione tra biossido di carbonio ed i cosiddetti cambiamenti climatici, dall’altro attribuiscono le aberrazioni meteorologiche solo a manifestazioni naturali (macchie solari, raggi cosmici, cicli atmosferici etc.). Sulla base di studi che ignorano del tutto la geoingegneria clandestina, evidenziando solo fattori geo-fisici, gli esperti di questi portali sono giunti a preannunciare, usando astrusi modelli, copiose piogge (non tornado e celle autorigeneranti indotte!) in Italia per la prima decade di luglio.

Fonti: ECplanet; tankerenemy.com – Scie Chimiche (Chemtrails) – TANKER ENEMY TV – tankerenemymeteo.blogspot.co.uk

 

 

Ecco Lucifero, caldo anche al Polo


L’afa con Lucifero sarà ancora più ‘infuocata’.

Il caldo toccherà anche la Scandinavia fino in Lapponia e produrrà un parziale scioglimento del Polo.

Secondo Edoardo Ferrara di 3bmeteo.com: ”Il Vecchio Continente si troverà a fronteggiare l’ondata di calore più intensa, estesa e duratura di questa estate 2012.

Sulla nostra Penisola si potranno raggiungere i 38-40 gradi, punte di oltre 40-41

sulla Francia, fino a 45-46 sulla Spagna”.

Le maggiori preoccupazioni sono per la già grave condizione siccitosa in cui versa l’Italia e, soprattutto, per l’elevatissimo rischio incendi anche nei prossimi giorni.

Le conseguenze sul clima saranno negative anche per i prossimi mesi:

il Mediterraneo, troppo caldo rispetto alla norma, nella prossima stagione autunnale potrebbe favorire la nascita di pericolosi nubifragi.

Caldo torrido scientificamente pianificato


Questo caldo asfissiante, con temperature al di sopra della media non c’entra nulla con l’anticiclone denominato “Scipione l’Africano”.

Gli artifici della guerra climatica  hanno gioco facile, allorché i militari riescono ad essere più discreti nelle attività di geoingegneria : uso diurno di scie evanescenti ed irrorazioni pesanti durante la notte

Le foto satellitari  mostrano in quale modo sono state incrementate le temperature: con il biossido di zolfo, composto che genera un “effetto serra” decine di volte superiore al tanto demonizzato CO2.

Poiché gli avvelenatori sanno bene che il CO2 non c’entra niente, usano il biossido di zolfo, disperdendolo a tonnellate per indurre un anomalo innalzamento delle temperature, soprattutto azzerando l’escursione termica diurna.

Uno studio pubblicato sulla rivista Geophysical Review Letters rivela che farlo provocherebbe delle grandi conseguenze sulle attivita’ umane e sull’ambiente, tra le quali quella di cambiare in bianco la normale colorazione del cielo.
“Introdurre areosol di fosfati rifletterebbe una parte della luce diretta al suolo lontano dalla Terra.

Tuttavia, questo significa anche un aumento della luce diffusa, che provochera’ diversi effetti tra cui un forte impatto sull’industria dell’energia solare e un’aumento della fotosintesi delle piante basse nelle zone di foresta”, ha spiegato Ben Kravitz del Carnegie Institution for Science di Stanford, Stati Uniti. “Ma l’effetto piu’ grande sara’ nel colore del cielo: le particelle di areosol sono piu’ grandi delle molecole d’aria, e diffondono di piu’ la luce rossa.

Questo scolorerebbe la luce blu del cielo, diffusa da particelle piu’ piccole, e renderebbe il cielo piu’ luminoso e piu’ bianco. L’effetto sarebbe piu’ visibile in aperta campagna, dove l’aria e’ meno inquinata”.

Concludendo, possiamo con assoluta certezza affermare che l’anticiclone battezzato “Scipione l’Africano” è una mera invenzione atta al lavaggio del cervello dei poveri cittadini che si abbeverano alle velenose previsioni meteo di regime.